Redazione DVR per farmacie

La redazione del Documento di valutazione dei rischi per una farmacia rientra tra gli obblighi del datore di lavoro, che spesso corrisponde al proprietario. Secondo la normativa anche lavorare presso una farmacia può comportare dei rischi, la sicurezza sul lavoro in una farmacia riguarda diversi aspetti che vanno dai ruoli da definire all’interno dell’attività commerciale (RSSP, lavoratori) alla gestione di prodotti particolari come i medicinali scaduti ed il loro smaltimento come rifiuti, passando per la formazione sulla sicurezza ed il rispetto delle norme antincendio, ovvero la sicurezza stessa dell’edificio.

Secondo quanto disposto dal D.Lsg  81/08 la redazione del Documento di Valutazione dei rischi per una farmacia deve seguire criteri ben precisi che partono con un sopralluogo allo scopo di accertare la conformità dell’ambiente di lavoro sulla base di quanto riportato dalla normativa per la sicurezza dei luoghi di lavoro a questo seguono verifiche sulla documentazione inerente la gestione della sicurezza, tutti passaggi fondamentali per la stesura del DVR come previsto dall’articolo 17 del Testo Unico sulla sicurezza sul lavoro, all’interno del documento dovranno essere elencate tutte le criticità riscontrate e le misure da adottare per ridurne gli effetti di rischio sul personale della farmacia.

Quali sono i rischi principali per chi lavora all’interno di una farmacia e che non vanno assolutamente sottovalutati in caso di redazione di un DVR? Il rischio stress lavoro correlato può rientrare tra le insidei di chi lavoro in una farmacia, altra tipologia di rischio è data dalla situazione di turno che riguarda soprattutto le farmacie notturne. Tutti questi aspetti devono obbligatoriamente essere presenti nel DVR al fine di informare anche i lavoratori ed essere in regola in caso di controlli da parte degli organi preposti.